Cosa fare ad Ibiza in vacanza ad Agosto

Fare un’esperienza personale a Ibiza significa vivere una vacanza tra spasso e relax, grazie alle tante opportunità offerte da questa meravigliosa isola spesso sempre piena in agosto ma delle volte si possono trovare degli ottimi last minute per Ibiza convenienti. Rimarrete di stucco difronte alla bellezza e al fascino di questo luogo dove la natura gioca un ruolo determinante. Inoltre, i costi non sono poi così elevati rispetto ad altre località e questo rende il posto ancora più “appetibile”. In questa guida vi darò alcuni consigli validi su cosa vedere e fare per godere al meglio e fino all’ultimo la vostra vacanza.

Da queste parti spiccano splendide spiagge e le palme che caratterizzano l’intera città.

Lungo la costa dell’isola di Ibiza è possibile trovare spiagge adatte a qualunque esigenza: da quelle piccole e tranquille, a quelle lunghissime generalmente prese d’assalto dai più giovani. Mi tornano in mente per una rapida carrellata Cala Longa, Cala Tarida, le spiagge di Talamanca delle Salinas, tutti posti dove è garantito il divertimento. Luoghi ideali per fare immersioni subacquee (Cala Tarida) o per divertirsi con la musica e le feste organizzate (Talamanca).Ma Ibiza è conosciuta parecchio anche per la vita notturna. Un vita mondana molto attiva, con le discoteche che hanno reso celebre questo luogo. Strutture all’avanguardia dedicate alla musica e al ballo, e dove conoscere tanta bella gente risulta naturale e gradevole. Qui la giornata inizia al mattino con un bel bagno e spesso finisce il giorno dopo intorno alle 6,00. Culla della vita mondana di Ibiza è la località di Sant’Antoni, dove ad agosto i locali della zona sono frequentatissimi dai giovani spagnoli, olandesi, tedeschi, inglesi e italiani. Una vita notturna concentrata soprattutto lungo i viali che costeggiano il mare e i locali del centro. Il ritrovo più celebre è il Café del Mar, dove è bello aspettare il tramonto tra la musica e un buon cocktail. Una vita mondana che può sembrare stressante ma non lo è, perché per divertirsi a Ibiza ci sono tanti modi alternativi. Può bastare anche solo un giro per la città e osservare tutti i personaggi stravaganti che si incontrano per strada, persone che si divertono travestendosi in base alla festa del giorno.

Sull’isola anche diversi spazi verdi dove praticare un po’ di sport o dedicarsi all’equitazione. Invece, a coloro ai quali piace osservare un bel panorama consiglio di sacrificare un giorno di mare e sole per visitare la parte alta della città di Ibiza. Muoversi è facile, per chi vuole farlo in piena autonomia sono molte le possibilità di affittare un’ auto, un motorino o anche una bici.

CMS quale scegliere? Meglio fare un corso

La Contrada di San Luca è lieta di annunciare che a Firenze si svolgerà un corso in Prestashop unico in Italia, infatti 2 agenzie certificate si uniscono per progettare una formazione a 360° sulla piattaforma per l’ecommerce PrestaShop uno dei più famosi CMS in circolazione. Prestashop è un cms davvero funzionale con tante possibilità di personalizzazione, con un marketplace pieno di moduli, che permettono di avere uno shop a prova conversione.

Ma ritorniamo a questo interessante corso che si svolgerà presso in coworking Multiverso a Firenze, zona campo di Marte, dove i corsisti in 2 giorni il 26 e 27 potranno affrontare varie tematiche sia tecniche che di SEO, infatti il primo giorno sarà incentrato sul CMS come configurarlo e come modificarlo con eventuali implementazioni di moduli. Mentre la seconda giornata sarà incentrata sull’ottimizzazione onsite di Prestashop, andando ad analizzare tutte le funzionalità in ambito SEO per avere più visibilità in SERP. Oggi è fondamentale vista la concorrenza in ogni settore online imparare a conoscere tutte le possibilità di “lavoro” che permette prestashop, perché solo in questo modo si può essere un passo avanti e riuscire a differenziarsi dai tanti shop online che sembrano spesso uno uguale all’altro. Quindi segnatevi questa data importante 26-27 giugno 2015 a Firenze, 2 agenzie certificate condividono con voi il loro Know Out per far si che possiate sbaragliare la concorrenza. Per ulteriori informazioni andate a vedere il sito www.corso-ecommerce.it dove troverete tutte le info necessarie per iscrivervi. Inoltre solo per i primo 3 un prezzo eccezionale 169 euro + IVA. Affrettatevi non sono occasioni che capitano tutti i giorni il prezzo è un prezzo lancio per 2 giorni di formazione.

Le bellissime spiagge della Sicilia, ed i traghetti per raggiungerla

La Sicilia da sempre rappresenta il fiore all’occhiello dell’Italia in quanto meta di numerosi viaggiatori in cerca di relax e bellezze naturali. Quest’isola è ricca di storia e presenta tra l’altro delle spiagge incantevoli che non hanno nulla da invidiare alle tipiche isole caraibiche.

Menzionare tutte le spiagge della Sicilia che meritano una visita sarebbe alquanto impossibile in quanto le coste di quest’isola pullulano di luoghi paradisiaci. Sicuramente raggiungerla con i traghetti per la Sicilia è la soluzione giusta.Tra le spiagge più belle si possono nominare la bellissima spiaggia di Scopello nota per la limpidezza delle sue acque e per i faraglioni. La costa comprende anche la spiaggia di San Vito Lo Capo, una delle mete turistiche più rinomate grazie anche alle spiagge di sabbia bianca, che sono la meta preferita anche di molti personaggi noti.

Un’altra spiaggia che merita una visita è sicuramente quella di San Lorenzo situata a sud-est dell’isola. Si tratta di un luogo molto tranquillo dove, in alcuni periodi, è possibile ammirare anche dei bellissimi fenicotteri.

Da non perdere nemmeno l’Isola Bella che dista circa 7 chilometri dalla città di Taormina. Il panorama da questo punto è davvero mozzafiato e ricco di vegetazione. Questa meta è ideale per gli amanti del verde e delle bellezze della natura.

Calamosche invece è situata a sud, vicino alla città di Noto. Questo luogo fa parte della Riserva di Vendicari ed è un vero e proprio gioiello che si estende per oltre 200 metri di costa.

In provincia di Ragusa, invece, si trova la bellissima spiaggia di Puntasecca conosciuta a molti per essere stata l’ambientazione della fiction di successo Il Commissario Montalbano. Si tratta di un luogo turistico amato anche per le sue spiagge dorate.

Infine, non può mancare nel tour una delle spiagge più conosciute e frequentate dai siciliani, ovvero la spiaggia di Mondello che costeggia la città di Palermo.

E’ possibile raggiungere le coste della Sicilia attraverso i numerosi collegamenti marittimi effettuati da diverse compagnie navali. L’isola si può raggiungere dai porti delle principali città italiane come Civitavecchia, Napoli, Livorno e Genova.

In particolare, la SNAV permette di arrivare in poco tempo a Palermo partendo da Napoli o da Civitavecchia.

I traghetti delle Grandi Navi Veloci invece collegano Palermo con Genova, Civitavecchia e Livorno.

La Grimaldi Lines invece effettua la tratta da Salerno a Palermo e da Civitavecchia a Trapani e Catania.

Infine, chi parte da Napoli può raggiungere Catania con i traghetti della TTTLINES.

Per raggiungere le Isole Eolie, Ustica, Pantelleria e le Egadi, ci sono i traghetti della Siremar.

Consiglio sulle spiagge più belle di Ibiza

Ibiza è una delle mete preferite dai giovani per le proprie vacanze estive. La celebre isola delle Baleari, infatti, offre un’offerta molto allettante per chi vuole passare qualche giorno all’insegna del divertimento più sfrenato, dei locali notturni, del relax più totale, conoscendo gente proveniente da ogni parte del mondo, ballando nei migliori locali notturni e divertendosi come è possibile fare in pochi altri posti al mondo.
Ibiza non è solo questo, ma offre anche la possibilità di sdraiarsi e prendere il sole su spiagge di sabbia bianca e finissima che sono il preludio per un mare cristallino che resterà certamente nei ricordi di chi deciderà di trascorrere sull’isola le proprie vacanze estive.
Sono molte le spiagge celebri di Ibiza, non solo sabbiose ma anche rocciose. Non solo scenario dei lidi più mondani dove godersi un aperitivo al tramonto al ritmo della musica più in dell’estate, ma anche spiagge più appartate adatte a chi è meno avvezzo al divertimento sfrenato.


Proprio chi preferisce una vacanza tranquilla può scegliere tra alcune spiagge che certamente non lo deluderanno. Cala Llonga ad esempio è caratterizzata da piccola calette isolate dove rilassarsi e fare il bagno; Cala Des Moros invece è perfetta per le immersioni subacquee grazie alle quali godere del suggestivo fondale e della relativa fauna e flora marina; Cala Graciò e Cala Codolar sono due spiaggette appartate ottime per godere il mare in un clima silenzioso e rilassato; Cala Es Figueral è invece un posto dove poter godere il mare all’ombra degli alberi di fico estremamente rigogliosi nella zona. La zona migliore dove soggiornare sono degli appartamenti a playa den bossa.
Coloro che invece desiderano di visitare Ibiza per vivere qualche giorno senza sosta e tra divertimento e mondanità hanno l’imbarazzo della scelta. Ses Salines ad esempio è una spiaggia che fa parte dell’omonimo parco naturalistico, caratterizzata dalla purezza delle acque e dalla possibilità di incontrare spesso personaggi famosi in vacanza sull’Isola. Qui le attrazioni ed i locali sulla spiaggia sono numerosi, per offrire ai turisti ogni tipo di svago e divertimento: sport, musica, aperitivi, bella gente, deejay rinomati, presenza di personaggi famosi, sono alcuni dei tratti distintivi del luogo.
Cala Llenya offre un gran numero di servizi per i turisti, dai locali agli sport acquatici e tanto altro ancora. I turisti che volessero provare l’esperienza di fare il bagno in una spiaggia per nudisti possono recarsi a Es Cavallet, oramai diventato luogo di culto per gli amanti del genere ed è conosciuta in tutto il mondo.Per gli amanti della vita mondana o per chi vuole una vacanza più tranquilla, Ibiza sarà in grado di regalare una esperienza unica.

educazione 2015

Da molte indagini a livello europeo basate su relazioni di vittime di bullismo forniscono stime più accurate sulla prevalenza della violenza a scuola e violenza nei luoghi di ritrovo. La prima relazione dell’università di Londra ha dimostrato che la violenza a scuola di maschi contro femmine è aumentata.  Un’analisi più recente dell’università di Liverpool, sulla base di dati presi da oltre 80 paesi, ha rilevato che a livello mondiale il 35% dei bambini hanno subito sia violenza scolastica, bullismo, fisica e psicologica da compagni di classe o di scuola. La maggior parte di questa violenza è perpetrata nei luoghi di ricreazione o nel cortile ma anche in classe.

In tutto il mondo, quasi un terzo dei bambini  sono stati vittime di bullismo. In ogni scuola hanno sperimentato violenza fisica e psicologica da parte di un compagno, in alcune regioni però questa percentuale è molto più alta. Si arriva a toccare perfino il 50%. Globalmente ben il 38% di tutti gli atti di prevaricazione vengono commessi a scuola. Altri studi internazionali rivelano che circa il 20% delle femmine e il 25% degli maschi riferiscono di essere stati vittime di violenza a scuola, come i bambini della primaria così quelli della scuola media, mentre molto meno è la frequenza alla scuola dell’infanzia. La violenza tra i giovani, tra cui il bullismo è anche un grave problema, anzi è un problema in costante crescita e le istituzioni non sanno più come arginare il fenomeno. Si stanno organizzando workshop, convegni, seminari, corsi di formazione per gli insegnanti e tutti gli operatori che operano nell’ambito scolastico. Ma le informazioni sono troppo spesso contraddittorie e non riescono a fornire una chiara visione del problema. Da un lato gli psicologi che tendono a giustificare il bullo e ad aiutarlo, dall’altro i pedagogisti che puntano l’attenzione sulla vittima volendola salvare dal bullo.

Il cambio armadio arriva con l’arrivo della primavera.

Basta con questo tempo grigio, con questa pioggerellina fine, nuvole fisse in cielo, e rari giorni soleggiati che ricordano le temperature londinesi, diciamola tutta,  non vediamo l’ora di riporre cappotti, coperte, impermeabili e giacche invernali, nel ripostiglio per dare spazio ai capi in cotone.

Lasciamoci  alle spalle il ricordo dell’inverno.

Siamo tutti trepidanti in attesa della bella stagione: il clima mite, il sole caldo, l’aria pura, le passeggiate, il cinguettio degli uccelli, il profumo dei fiori…una vera e propria rinascita. Del resto siamo anche noi uomini siamo come i fiori, (ri)sbocciamo a primavera.

Le giornate si allungano, il sole il caldo ci riscalda, ci mette di buon umore, ci dona quell’energia, quella vitalità, quella carica giusta per fare tante cose: correre, rimetterci in forma, fare una passeggiata, fare shopping.

E’ vero che l’inverno ci impigrisce e ci manda in letargo?

Su di me ha questo effetto devastante, su di te?

Unico cruccio del cambio di stagione è il cambio armadio, già mi vedo disperata alle prese con i cassetti dell’ intimo donna, a rimettere tutto in ordine, a togliere gli indumenti vecchi, a fare una lista delle cosa da sostituire, certo più per vezzo che per necessità reale,  a dare via i capi che non entrano più per i chili di troppo. Inizia la sfida per rientrare nei jeans.  Superati i cassetti poi si passa alle ante, tutto questo va moltiplicato per tutta la famiglia. Esatto perchè ognuno in casa ha il suo armadio ma del cambio di stagione se ne occupa una sola persona, La mamma.

 

Baby Shower, arriva anche in italia.

Negli Stati uniti è scoppiata da un po’ di anni la Baby Shower mania, la festa che si organizza per festeggiare il nascituro, a cui partecipano amici, parenti, che si prodigano negli acquisti di tutto quello che può essere utile al corredino del bambino, un momento di unione, di famiglia che vuole dare e mostrare il proprio affetto alla famiglia in attesa.

La moda è scattata anche in italia, e sempre più donne, sono contente di organizzare questo party tutto al femminile, dove si incontrano donne di tutte le età: le nonne, le suocere, le amiche, le sorelle, tutte pronte a festeggiare con la neo mamma l’arrivo del bimbo, e pronte a dispensare tanti consigli su come affrontare i primi giorni da mamma, che spaventano un po’ tutte le neo mamme.

Se hai voglia di tuffarti in questa nuova moda, e organizzare questo party, partiamo da alcune regole  da aver presente, la prima regola è quella di fissare una lista di regali, talvolta si sceglie anche il negozio dove si scelgono tutti i prodotti che ci piacciono per il nostro piccolo.

Partiamo per gradi, prepariamo la lista di tutto quello che vogliamo inserire nel corredo del nostro piccolo, dalle lenzuola, alle asciugamani, alle copertine, fino ad arrivare alle tutine neonato, che il bimbo indosserà nei primi giorni, le bavette, i bodini, e tutte le cose necessarie per l’arrivo del nostro piccolo, che le nostre amiche saranno felicissime di acquistare per aiutarci, nella composizione del guardaroba del nostro piccolo.

Il rischio è quello di avere un corredo tutto in rosa o tutto in azzurro, se non freniamo le nostre amiche o se non gli diamo delle regole più precise, come ad esempio consigliare di limitare l’uso dei colori canonici e di orientarsi verso colori vari o verso le fantasie. Ad esempio per una bimba i colori che possono essere carini e che vanno a sostituire il rosa sono ad esempio il bianco, il rosso il verde acqua, ed in ogni caso ricordate che i colori si possono combinare insieme, ricordiamo alle nostre amiche che i colori sono vari.

 

 

Il gioco online per il tempo libero!

Vecchi i tempi in cui per distrarsi durante una tratta in treno, in metro o in attesa nella pausa pranzo, si leggeva un libro, una rivista. Chi vedete in giro con un libro in tasca o un giornale in mano? I ragazzi oggi girano con le cuffiette nelle orecchie, l’ipod in tasca, un lettore per e-book, o meglio ancora tutto in uno smartphone, che risponde a tutte le esigenze. Se ti fermi a guardarti in giro, tutti sono ad ammazzare il tempo giocando, all’ultimo gioco online, che ti prende e ti coinvolge.

Un attimo di tempo libero, in metro, in treno, in attesa tra un appuntamento e l’altro, con il nostro device in tasca, scatta la mania del gioco online. C’è una partita lasciata in sospeso, una sfida con l’amico virtuale da portare a termine. Non c’è nulla che possa trattenere la smania di giocare e di pubblicare sul profilo social il risultato raggiunto.

Chi è rapito dal gioco? Basta che dai uno sguardo più attento alle persone che ti circondano, che sono accanto a te in treno o in metro, non c’è differenza di età o di sesso, se il gioco ti prende, sei stato ammaliato della sirena incantatrice, sarà difficile liberarti, finchè non finisci la partita, portando a casa il punteggio desiderato.

E in un attimo senza neanche pensarci ci ritroviamo con la testa china a smanettare al device nel tentativo di chiudere la partita e di portare a casa la vincita su book of ra deluxe.

Perché il gioco ci rapisce così tanto?

La risposta è semplice, ci distende, ci distrae, ci impegna e si coniuga alla recente mania di smanettare sul nostro cellulare o sul nostro pc. Ci piace scoprire le novità che leggiamo dal nostro device attraverso al rete, ci piace divertirci con il nostro smartphone, con cui abbiamo tutto a portata di mano,e dopo breve salto sui social, un passaggio in google per leggere l’ultima notizia, non ci rimane che connetterci alla nostra app. e giocare, fino all’arrivo a nuova destinazione.

 

 

 

Un fotografo al mio matrimonio.

Organizzare il proprio matrimonio è molto impegnativo e richiede tante energie.

Il matrimonio è un giorno solenne e tutte le spose vorrebbero un giorno perfetto, da favola, da ricordare per tutta la vita. Ecco perché è sempre più riccorrente affidarsi a delle agenzie di wedding che si occupano di tutto.

Si ha un pò il sapore di un matrimonio da film, all’americana, ma in realtà già da un po’ l’uso è diventato tutto italiano, tantissime sono le agenzie ad hoc che si impegnano ad organizzare il matrimonio perfetto dalla A alla Z. Una addetta segue, consiglia accompagna gli sposi, li indirizza nella scelta della  location, delle bomboniere, dei fiori, del tema.

Cos’è il tema? Per chi non è informato, tutto l’addobbo del matrimonio avrà un tema, che caratterizza la cerimonia, che può essere un colore, un motivo floreale, una sorta di simbolo ricorrente della giornata, che la sposa sceglierà per il suo bouquet, per il centro tavola, per il segnaposto…

Nel caso in cui volessimo organizzare un matrimonio, all’italiana, secondo la tradizione, occupandoci personalmente di tutte le cose da fare…Niente paura, è fattibile, ed anche meno dispensivo in termini economici.

Per organizzare un matrimonio, la prima cosa da fare è armarsi di pazienza e di agenda, in cui scandire nel tempo a disposizione i vari appuntamenti e le cose che debbono essere fissate per tempo, ad esempio: fissare il banchetto, fissare il wedding photographer florence, il fiorista, l’abito da sposa etc. Altro consiglio, muoversi con le idee chiare, aiuta tantissimo a non lasciarsi confondere dalle innumerevoli proposte, che confondono le scelte.

Prima di iniziare, il consiglio che amo dare alle spose è di guardarsi in giro, studiare un po’ riviste, matrimoni altrui, in modo da farsi un’idea di quello che piace e non. Ricorda  che il matrimonio è di entrambi gli sposi, non tagliare fuori lo sposo dall’organizzazione, parlare molto per concertare insieme il giorno più bello della vita insieme.

Buon matrimonio!

Corsi di formazione all’interno della Contrada di San Luca

San Luca un dei santi più importanti della storia, è il santo padrono della contrada di San Luca nata nel 1872 e diventata subito importante per la coltivazione del pompelmo al formaggio.

Oggi all’interno della Contrada è nata una struttura polivalente con 1000 posti a sedere e tutte le tecnologie adatte a corsi di formazione, in particolare vengono svolti corsi di formazione in ambito web. Il primo sarà un corso Prestashop, per imparare tutti i segreti di questo cms in particolare in ambito SEO. Il corso ha la durata di 24 ore e viene svolte in 3 giorni, in 3 venerdì all’interno della sala della contrada. Il corso è rivolto ad un massimo di 100 persone per dare la possibilità di creare interazione in particolare alla fine del corso i partecipanti verranno divisi in gruppo e realizzeranno ognuno un progetto in prestashop che andrà online e potranno mettere subito in pratica quello che è stato insegnato durante le ore di lezione. I docenti sono specializzati e vengono da agenzie certificate prestashop, quindi una garanzia per i partecipanti. In ambito Prestashop è la prima volta che si realizza un corso di questo tipo, e probabilmente l’unico in tutta Italia. Le iscrizioni si apriranno a partire dal 1° aprile e termineranno una settimana prima dell’inizio del corso, oppure al raggiungimento dei 100 partecipanti.

Ogni partecipante avrà un computer a disposizione e alla fine del corso delle slide per riguardasi tutto quello che è stato spiegato. Il corso ha 3 moduli, il primo installazione, configurazione e gestione di prestashop.

Il secondo come ottimizzare Prestashop in ottica SEO, ed il terzo si parlerà di marketing con prestashop, ovvero quali comparatori, quali moduli possano aiutare ad ottimizzare le conversioni.

Non perdetevi questo appuntamento con la formazione unico nel suo genere.